Recensioni

"Elisa Balbo, che già aveva affascinato come Anna Erisso in Maometto II l'anno scorso a Bad Wildbad, non lascia nulla a desiderare come un'Anaï con una voce brillante di soprano e stupende eruzioni drammatiche nelle altezze."

“Elisa Balbo rende chiaro il tragico tumulto dell’amore di Anaï con voce di soprano chiara, acuti fiduciosi e scioltezza sicura, e contribuisce alla serata con la sua grande scena nel 4 ° atto e nel duetto toccante con Aménophis con accenti commuoventi.”

“Anaï è il soprano ligure Elisa Balbo impegnata l'anno scorso sullo stesso palcoscenico nel ruolo massacrante di Anna Erisso. Qui la parte è più contenuta e la Balbo esce vincente sia nel dolce duetto con la madre Marie che nei duetti con l'amato. La voce giovane le permette particolare slancio e il colore è limpido. Forse nell'ampia aria del quarto atto avremmo gradito una voce più ricca di chiaroscuri dato il momento così drammatico. La Balbo è stata molto applaudita al termine del brano e all'uscita finale in proscenio. ”

“Tra il numeroso personale egiziano-israeliano, gli amanti Anai-Amenophis sono di gran lunga il fattore più interessante e toccante. ... In particolare, i giochi di questa coppia, incredibilmente cantati da Randall Bills ed Elisa Balbo, mostrano come l'abilità artificiale della voce di Rossini non solo possa essere messa a servizio di equilibri comici, ma possa essere molto convincente come espressione di sentimenti "seri" estremi.”

“Come Anais, figlia di Mosé, Elisa Balbo trasforma i taglienti tratti del suo soprano in fuochi d'artificio vocali.”

“Elisa Balbo, anch'essa combattuta tra gli oppositori politici e l'irresistibile potere dell'amore, conquista rapidamente il cuore del pubblico con una voce di soprano elegante, piani commoventi e legato corposo.”

2016

La Repubblica veneta

“L’interpretazione solistica del soprano ligure Elisa Balbo si è contraddistinta per un fraseggio aderente alle intenzioni della compagine orchestrale, fortemente coesa nella ricerca della tinta straussiana, mostrando un’ottima capacità di produrre emozioni con autenticità e genuinità. Un’esecuzione in crescita costante dopo l’inizio, con il secondo e terzo lieder evocati con tanto pudore, come un sussurro a fior di labbra e caratterizzati da un lirismo e un fraseggio intessuto di venature poetiche, da lacrime agli occhi. Alla fine del quarto una lunga ovazione e tanto entusiasmo per un artista di cui la carriera appare già nel segno del firmamento canoro”

CONTINUA A LEGGERE

Agro24

“L’artista ligure (…) si è spostata ora su pagine in cui la voce si fonde con l’orchestra, per diventarne uno strumento al pari degli altri. L’interpretazione del soprano si è fatta apprezzare per una raffinatezza esecutiva ricca di colori, sfumature, filati e slanci.”

CONTINUA A LEGGERE

Glasgow Theatre Blog

“Bocelli is backed by the Royal Philharmonic Orchestra and the Edinburgh Royal Choral Union and a series of hand-picked guests from the classical musical world: Soprano Elisa Balbo is outstanding in O mio babbino caro and Casta Diva and in the encore duet with Bocelli, Con Te Partiro..”

CONTINUA A LEGGERE

Herald Scotland

“soprano Elisa Balbo excelled in a solo performance of O mio babbino caro, and her encore duet with Bocelli (the apt Con Te Partiro) was goose-bump-inducin..”

CONTINUA A LEGGERE

Globus Magazine

“…ben costruita ed armoniosa è l’attesissima “Si, mi chiamano Mimì”, nel primo quadro, di Mimì (Elisa Balbo).” “…commovente e vero il finale di Mimì con “Sono andati? Fingevo di dormire” che conduce al tragico epilogo finale.”

CONTINUA A LEGGERE

Messinaora

“Elisa Balbo, la giovane soprano che esprime perfettamente la figura dolce e malata di Mimi una creatura che “ha premura di vivere perché ha paura di morire”.”

CONTINUA A LEGGERE

2013

Il Sole 24 ore

“…”Casta diva” (Norma di Bellini), interpretata da Shizuka Arakawa e cantata egregiamente da Elisa Balbo della Fondazione Pavarotti, sono state tra quelle più applaudite anche dal pubblico meno avezzo alla musica lirica…”

CONTINUA A LEGGERE

Il giornale della musica

“…assai brillanti e con intensa verve espressiva Elisa Balbo (Alice), Anna Malavasi (Meg), Isabel De Paoli (Quickly) e Damiana Mizzi (Nannetta), interpreti molto ben scelte per i loro rispettivi ruoli.”

CONTINUA A LEGGERE

La gazzetta di Lucca

“Bravissime le comari Elisa Balbo in Mrs. Alice Ford, Mrs. Quickly Isabel De Paoli, Mrs. Meg Page Anna Malavasi.”

CONTINUA A LEGGERE

Absolute Skating

“And the beautiful voice of soprano Elisa Balbo adds even more magic to Shizuka’s skating: the music draws a lot of applause from the audience, as much as the happenings on the ice.””

CONTINUA A LEGGERE